Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Questo sito fa uso di cookie, i cookie consentono una gamma di funzionalità che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito, verrà accettato l'uso dei cookie in conformità con le nostre linee guida. Per saperne di più clicca qui.

Commissione europea: in arrivo il nuovo regolamento Data Privacy (GDPR)

Cosa cambia per le imprese e come adeguarsi

Il 25 maggio 2018 sarà direttamente applicabile in tutti gli Stati membri il Regolamento Ue n. 2016/679, noto come GDPR (General Data Protection Regulation)  relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali.

Il GDPR nasce dall’esigenza di certezza giuridica, armonizzazione e maggiore semplicità delle norme riguardanti il trasferimento di dati personali dall’Ue verso altre parti del mondo.

Gli obiettivi principali della Commissione europea sono quelli di restituire ai cittadini il controllo dei propri dati personali e di semplificare il contesto normativo che riguarda gli affari internazionali unificando e rendendo omogenea la normativa privacy tra i vari Stati Membri dell'UE.

In sintesi la General Data Protection Regulation:

  • Introduce regole più chiare su informativa e consenso;
  • Definisce i limiti al trattamento automatizzato dei dati personali;
  • Stabilisce criteri rigorosi per il trasferimento dei dati al di fuori dell’Ue;
  • Fissa norme rigorose per i casi di violazione (data breach), con sanzioni che vanno dalla mera diffida amministrativa a sanzioni fino a 20 milioni di euro.

Le norme si applicano anche alle imprese situate fuori dall’Unione europea che offrono servizi o prodotti all’interno del mercato Ue. Tutte le aziende, ovunque stabilite, dovranno quindi rispettare le nuove regole. Imprese ed enti avranno più responsabilità e caso di inosservanza delle regole rischiano pesanti sanzioni.

Per aiutare le imprese, specialmente le PMI, ad arrivare preparate al momento in cui sarà vigente il nuovo regolamento, la Commissione europea ha predisposto un nuovo portale dedicato con tutte le informazioni da conoscere per adeguarsi alle nuove norme ed evitare sanzioni.

Al momento l’Italia è tra i paesi che ancora non si sono adeguati alle nuove norme. Benché infatti si tratti di un regolamento, che per natura è autoapplicante, esistono comunque delle parti che sono state lasciate alla decisione dei legislatori nazionali, come ad esempio l’età al di sotto della quale si considera un minore come tale.

La Commissaria alla giustizia Jourova ha comunque confermato che la Commissione è in contatto costante con gli Stati Membri per fornire loro aiuto per accelerare l’implementazione.

#Lombardia2030

#Lombardia2030 è il Piano strategico di Confindustria Lombardia. Presentato nel dicembre 2015, ha proposto una visione di lungo periodo con l’obiettivo di agire sulle determinanti della competitività per garantire sviluppo e prosperità diffusa, partendo dal presupposto che la competitività delle imprese non è disgiungibile dalla crescita dei territori e della società in cui queste operano. Il lavoro svolto sui driver di competitività indicati in #Lombardia2030 ha portato alla nascita dei seguenti progetti strategici:

World Manufacturing Forum

Digital Innovation Hub Lombardia

Cluster

Capitale Umano

Progetto Europa

Progetto Credito

Confidi Systema

Lombardia2030

Dove siamo
Via Pantano 9 - Palazzo Gio Ponti, 20122 Milano
Tel. 02/58370800
segreteria@confindustria.lombardia.it


© 2000 - 2021 CONFINDUSTRIA Lombardia. Tutti i diritti riservati.